La DGP riduce il numero di transfer necessario per raggiungere una gravidanza

Questo metodo di selezione embrionale riduce il numero di transfer necessari per avere un nascituro sano e, allo stesso tempo, di ridurre il numero di aborti.

DGPÈ riconosciuto il ruolo che gioca l’etá a livello riproduttivo. Tutti sappiamo infatti che fra i 25 e i 35 anni la capacitá riproduttiva della donna si abbassa di un 50%. A partire dei 35 anni, la donna puó incontrare difficoltá a concepire o puó andare incontro con maggiore facilitá ad aborti spontanei. Ma c’è una buona notizia: la scienza avanza anche nel campo della prevenzione: la medicina riproduttiva ci offre una soluzione grazie alle informazioni che ci dá il DNA degli embrioni attraverso l’Analisi Preimpianto (DGP).

Questo tipo di tecnica di riproduzione assistita permette di analizzare geneticamente gli embrioni per identificare quelli che sono portatori di alterazioni cromosomiche o qualche malattia monogenica.

Con la Diagnosi Genetica Preimpianto (DGP) si studiano gli embrioni per poter trasferire quelli sani e poter cosí garantire che il nascituro non sia affetto dalla malattia studiata.

Ció che facciamo è studiare il DNA degli embrioni e selezionare cosí quelli liberi da anomalie cromosomiche: questo ci permette di aumentare sostanzialmente le possibilitá di raggiungere una gravidanza e, contemporamente, ridurre le possibilitá che si producano aborti spontaei e/o terapeutici.

Uno Studio pubblicato dalla rivista Fertility and Sterility ha analizzato i risultati dell’uso o meno di questa tecnica su un campione aleatorio (studio in cui si mettono a confronto i risultati di pazienti che sono ricorsi o meno a questa técnica studiando un campione di popolazione molto omogeneo) composto da piú di 200 donne dai 38 ai 41 anni che non soffrivano di malattie conosciute e che non avevano avuto in precedenza gravidanze o aborti previ dovuti ad anomalie cromosomiche.

Tutte le pazienti  erano state sottoposte ad un ciclo di FIV-ICSI, ma solo la metá di esse ha eseguito il DGP. I due gruppi arrivano ad un tasso di gravidanza simile, ma la differenza fra l’uso del DGP o meno era notevole.

Il numero di aborti nel gruppo a cui non è stato fatto il DGP era maggiore e il tasso di nati vivi e sani era minore rispetto al gruppo dove sí è stato realizzato il DGP.

Grazie all’uso di questa técnica si riesce a ridurre lo stress a livello emotivo e il senso di frustazione che possono influire sui risultati negativi a livello gestazionale. Inoltre le ultime tecniche di diagnosi genetica attraverso la sequenziazione massima hanno diminuto in modo importante i costi ecnomici legati a questo tipo di Studio, cosa che prima rappresentavano una vera e porpria barriera per i pazienti.

 

Posted in Uncategorized

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*